Londra. Una biografia

Londra. Una biografia di Peter Ackroyd non è un libro facile, tutt’altro.
È la storia sociale, culturale, politica ed economica di una delle più antiche e potenti città capitali nel mondo di oggi. Forse proprio per questo le sue ottocento (e passa) pagine non sembrano più così tante…
Il libro è epico, ma (è chiaro che) lo è anche Londra. La biografia non è organizzata in ordine cronologico, ma in modo tematico.
Ackroyd, che ha una cultura molto vasta, ha raccolto e riunito tutte le caratteristiche essenziali di Londra comprendendo quanto il commercio sia stato fondamentale nella sua storia e come il suo progresso insaziabile dall’epoca romana fino a quella moderna sia stato alimentato dalla sua straordinaria aspirazione naturale al profitto.
La lettura di Ackroyd è sincera e fa capire quanto Londra nei secoli sia stata spietata, incontrollabile e spesso indifferente alla sofferenza e la sua popolazione aggressiva, rumorosa e anche piuttosto violenta.
Un libro rivolto più a un pubblico popolare che accademico. Ma cercare di raccontare l’intera storia di Londra non è un’impresa da poco, e farlo richiede uno sforzo coraggioso.
MC

Annunci

Certe verità nascoste

Nella letteratura, all’inizio del Novecento, era solo la flânerie a far emergere le verità nascoste… Allora tempo della vita non c’era più e si poteva cercare la verità nei luoghi in cui era imprevedibile, inattesa, impensata.
Era qui, in queste strane stanze, che l’ozio aveva un valore vitale e i narratori erano in grado di ampliare i loro romanzi con spazi nuovi e descrizioni che sarebbero diventate il cuore di molte eccellenti narrazioni.
Oggi la fretta opprimente sembra produrre romanzi veloci che celebrano solo ritmo e azione. Gialli, thriller, noir… Testi senza tanti giri di parole e senza perdite di tempo, come pretendono questi nostri tempi.
Ma che sia davvero così?

Questo strano ritorno

Si può ritornare a un’emozione o a un episodio reale o immaginato. E la letteratura e la poesia vertono proprio a questo strano impareggiabile ritorno. Perché prendono origine da emozioni ricordate in un momento di tranquillità… la tranquillità a poco a poco se ne va e certe emozioni, che sono state oggetto di contemplazione, vengono allora ricreate (e sono libere di rinascere) nella mente.

Guardare finalmente in profondità

Intendere l’otium alla latina può essere un’opportunità per sottrarsi agli affari quotidiani e affrontare, allo stesso modo dei grandi filosofi della romanità, altri punti di vista e temi di radicale importanza come i “sacri” principi della politica e della verità.
Solo così potremo (forse) guardare finalmente in profondità i valori che fanno di noi ciò che, alla fin fine, siamo?

Pazienza e dedizione

La scrittura è un’attività che richiede pazienza e dedizione.
Prima di iniziare è necessario rispondere ad alcune domande:
Perché si scrive? Lo si fa per piacere o per passione? Cosa si vuole scrivere? Per chi scriviamo? A quale pubblico? E come? Con che linguaggio e a quale livello?
Mah… Solo a chi scrive l’ardua… pazienza.

È difficile rimanere onesti in politica

Sempre a proposito di lettere… ecco una lettera di parecchi anni fa ancora attuale.

Quando ero giovane, io ebbi un’esperienza simile a quella di molti altri: pensavo di dedicarmi alla vita politica, non appena fossi divenuto padrone di me stesso. Ora mi avvenne che questo capitasse allora alla città: il governo, attaccato da molti, passò in altre mani, e cinquantun cittadini divennero i reggitori dello stato. Undici furono posti a capo del centro urbano, dieci a capo del Pireo, tutti con l’incarico di sovraintendere al mercato e di occuparsi dell’amministrazione, e, sopra costoro, trenta magistrati con pieni poteri. Tra costoro erano alcuni miei familiari e conoscenti, che subito mi invitarono a prender parte alla vita pubblica, come ad attività degna di me.
Io credevo veramente (e non c’è niente di strano, giovane come ero) che avrebbero purificata la città dall’ingiustizia traendola a un viver giusto, e perciò stavo ad osservare attentamente che cosa avrebbero fatto.
Continua a leggere “È difficile rimanere onesti in politica”