Un semplice pretesto per raccontare altro

Tempo di uccidere (pubblicato nel 1947, nello stesso anno vinse il premio Strega) viene spesso definito opera memorialistica della vicenda personale di Ennio Flaiano (che nel 1936 partecipò alla guerra d’Etiopia) e insieme critica all’epopea coloniale del regime fascista e all’assurdità delle guerre. Non è così. O meglio: è così solo se ci si riferisce al contesto della trama narrativa. Ma, in questo caso, meglio che in Tempo di uccidere, Flaiano ha fatto con la sua teatrale La guerra spiegata ai poveri.
In realtà la trama, in qualsiasi opera narrativa o teatrale che sia, è sempre e solo un semplice pretesto per raccontare altro.
L’altro in questione sulle pagine di questo romanzo è la stessa anima del protagonista, il tenente Enrico Silvestri, che corrisponde a quella di Flaiano. In questa chiave, tutto va compreso come allegoria e/o simbolo. l’Africa (l’Etiopia) è  la terra promessa. La meravigliosa ragazza etiope di cui il tenente s’invaghirà, dal nome appropriato di Mariam, ovvero lo stato verginale e primigenio. Il suo ferimento fortuito e, poi, l’omicidio volontario per evitarne lo strazio dell’agonia: l’innocenza perduta. Il disagio dell’assassino in una Massaua disordinata e ingarbugliata: il turbamento dell’io per il senso di colpa. La lebbra che Silvestri crede aver preso dalla ragazza: la giusta punizione. I ripetuti tentativi di omicidio e di furto che il protagonista compirà per sottrarsi alla giustizia terrena: l’individuo che si arrende alla malvagità umana. L’uscita dall’incubo della malattia in seguito alle rivelazioni del padre della ragazza: espiazione, purificazione e ritorno alla vita.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: