Sento la penna che graffia…

“Ho scoperto che scrivere romanzi è una esperienza totalizzante sia a livello fisico che mentale e devo scrivere ogni giorno per mantenere il ritmo, per tenermi concentrato…
Se mi capita di andare via per due settimane, mi ci vuole una buona settimana per recuperare il ritmo e il tempo perduto.
La scrittura per me è soprattutto fisica. Ho sempre la sensazione che le parole escono dal mio corpo, non solo dalla mia mente.
Scrivo a mano, sento la penna che graffia sulla pagina le parole.
Posso anche sentirle le parole da scrivere. Quindi gran parte dello sforzo per me è costruire frasi catturandole in tutta quella musica che sento dentro la mia testa.
Di lavoro ce ne vuole tanto. E’ necessario scrivere e riscrivere per ottenere quella musica esattamente come si desidera che sia.
La musica è una forza fisica. Non solo si scrivono libri fisicamente, ma anche si leggono fisicamente. C’è qualcosa nei ritmi del linguaggio che corrisponde ai ritmi del nostro corpo…”

(libera traduzione da un colloquio di Paul Auster con Jonathan Lethem, febbraio 2005).

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: