Il (vasto e articolato) pensiero femminista

Appartenere al sesso femminile, nascere donne piuttosto che uomini, significa trovarsi al mondo in una posizione di inferiorità, oppressione e svantaggio“, constatava Mary Wollstonecraft, filosofa e scrittrice inglese, alla fine del Settecento.
Nata all’interno della svolta illuministica dell’Occidente, la complessa vicenda di movimento e di pensiero che (per brevità) chiamiamo oggi femminismo inizia da questo problema e cresce per più di due secoli, andando a incrociare la storia politica dell’Occidente stesso (se non del pianeta) e tutte le discipline del sapere.
Il pensiero femminista ha oltrepassato il secondo secolo di vita ed è vasto e articolato quanto i saperi e le politiche della modernità. Già chiamarlo femminista, riunendo sotto un unico termine posizioni diverse e addirittura conflittuali, rappresenta un problema. Attualmente (ovvero al culmine di una fase che ha visto il pensiero femminista espandersi come elaborazione teorica che adotta gli stili più raffinati e specialistici del dibattito filosofico contemporaneo) questo dilemma è ancora più evidente. Basti pensare alle difficoltà del linguaggio che caratterizzano le varie posizioni.
Nel femminismo inglese, per esempio, è comunemente adottata la distinzione tra sex e gender. Il termine sesso indica il fenomeno biologico della differenza tra uomini e donne; genere indica invece la costruzione culturale che definisce l’uomo e la donna, ossia il maschile e il femminile.
Nel pensiero femminista italiano domina invece l’espressione differenza sessuale, che proviene dalla lingua francese di Luce Irigaray (filosofa e psicoanalista vicina al movimento delle donne) e indica sia il dato biologico che l’ordine simbolico, sia il corpo che il suo immaginario, sottintendendo alla loro inscindibilità.
Ciò che è vero per ogni interprete di una teoria è quindi soprattutto vero per la teoria femminista. Presentare, discutere, interpretare il pensiero femminista da un punto di vista “oggettivo” prendendone le distanze è dunque praticamente impossibile.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: