Selvaggiamente fantastico

Poi uscimmo a lavare gli edifici. Gli edifici puliti riempiono gli occhi della luce del sole, e il cuore dell’idea che l’uomo sia perfettibile. Sono inoltre ideali luoghi d’osservazione per osservare le ragazze; dalle alte piattaforme girevoli di legno se ne ha una rara veduta, lo sguardo fisso al cocuzzolo delle ragazze, rosso, biondo o color susina. Osservate dall’alto somigliano a bersagli, la testa color susina il centro del bersaglio, la fluttuante sottana l’audace circonferenza. Le gambe, gambe bianche gambe nere, sono come uno che agiti le braccia sopra la sommita’ del bersaglio e gridi: “Hai mancato il bersaglio perche’ non hai calcolato sufficientemente il vento!” Grande e’ la nostra tentazione di scagliarvi le nostre frecce, dentro a quei bersagli. Il significato di cio’ e’ chiaro a ognuno. Ma oltre che alle ragazze la nostra attenzione si rivolge anche agli edifici, grigi e nobili nella loro falsa architettura. (…)

Donald Bartheleme (da “Il Padre morto”, Einaudi, 1979)

Selvaggiamente fantastico, causticamente divertente… Il nero, l’umorismo l’assurdo e un senso dell’ironia fantastico… Donald Barthelme.

Annunci

Autore: Marco Crestani

La scrittura, quella sì...

3 pensieri riguardo “Selvaggiamente fantastico”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...