Flannery e la ferocia del gesto letterario

Ci si lamenta sempre che il romanziere moderno non nutre speranze e che il mondo da lui dipinto è insopportabile. L’unica risposta è che chi non nutre speranze non scrive romanzi. Scrivere un romanzo è un’esperienza terribile, durante la quale spesso cadono i capelli e i denti si guastano. Mi manda sempre in bestia chi insinua che lo scrivere narrativa sia una fuga dalla realtà. È invece un tuffo nella realtà ed è davvero traumatizzante per l’organismo. Chi è senza speranza non solo non scrive romanzi, ma, quel che più conta, non ne legge. Non ferma a lungo lo sguardo su nulla, perché gliene manca il coraggio. La via per la disperazione è rifiutare ogni tipo di esperienza, e il romanzo è senz’altro un modo di fare esperienza.

(Flannery O’Connor)

C’è in Flannery O’Connor una certa ferocia del gesto letterario e uno sguardo tagliente davvero implacabile. Forse perché aveva un talento unico e scriveva in modo chiaro, pungente, memorabile.
Flannery O’Connor è stata una scrittrice introversa, appartata, ma anche una figura scomoda, sgradita, per certi versi imbarazzante.
Le sue storie si concentrano sui diversi aspetti dell’umanità presenti in situazioni di ogni giorno nella sua Georgia. Si occupano di questioni razziali, di cristianesimo, di conflitti tra le generazioni, di rapporti genitori-figli…
Flannery O’Connor utilizza la narrativa per provocare i lettori con alcuni degli interrogativi più profondi e inquietanti dell’esistenza.
Forse Harold Bloom aveva ragione quando scrisse che il modo migliore per leggere le sue storie è riconoscere subito che nei suoi racconti si è tra i dannati e poi passare subito, senza star lì tanto a pensarci su, a godersi quella sua arte di raccontare così grottesca e indimenticabile. Di sicuro diversa, insolita, straordinaria.

Annunci

Autore: Marco Crestani

La scrittura, quella sì...

3 pensieri riguardo “Flannery e la ferocia del gesto letterario”

  1. Sempre interessanti e coinvolgenti questi post.
    Sì, la penso come Flannery O’Connor…
    Per uno scrittore scrivere non è mai fuga dalla realtà, bensì un immergersi totalmente in essa, nudi e indifesi. Un’esperienza che si rinnova ogni volta. Un modo per rimanere in contatto con se stessi e con ciò che ci circonda, amplificandone sensazioni e panorami. Un modo per continuare a sentirsi vivi nonostante tutto e per continuare a sperare.
    Un saluto,
    Pau

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...