La fuga di David Goodis

Vincent Parry è chiuso in carcere a san Quintino e sopravvive con tristezza e malinconia, senza speranza e senza sogni. Il lavoro che fa lo sfinisce, sa di non poter andare avanti ancor per molto. E’ condannato all’ergastolo per l’omicidio della moglie, ma lui è innocente, lo ha sempre detto ai giudici, anche durante il processo che lo ha condannato. Un giorno, grazie a un colpo di fortuna, riesce a entrare in un barile di cemento nella parte del cortile in cui si sta costruendo il magazzino e dove era costretto a lavorare. I barili vengono caricati in un autocarro e Parry si aspetta da un momento all’altro il suono di una sirena, ma niente, non succede più nulla: l’autocarro è in movimento e corre sulla strada. E’ evaso dal carcere, ma ha l’impressione che tutto sia un sogno pazzesco e che alla fine tanto lo scopriranno, poi scrolla le spalle pensando di non avere niente da perdere. E’ in fuga, ma ha paura, avverte una minaccia su di sé, sta in guardia, sembra non reggere la tensione. Nel frattempo l’aria nel barile diventa irrespirabile. Parry soffoca tutti i sentimenti di odio che lo invadono e raccoglie tutte le forze per spostare di un bel po’ i barili che si trovano sopra di lui. Ora vede la strada e un lento fiume grigio che scorre in mezzo ai prati con San Francisco sullo sfondo. Si cala dall’autocarro, rimanendoci aggrappato e poi si lascia andare. Cade con la faccia a terra e rotola verso il margine della strada. E’ libero, ma si sente braccato, circondato, deve muoversi in fretta perché non sa ancora cosa l’aspetta.

Scritto in uno stile limpido e torbido allo stesso tempo, La fuga di David Goodis stupisce e sorprende in ogni sua pagina con continui colpi di scena spesso inattesi. Si legge tutto d’un fiato come uno strano cocktail fatto di descrizioni surreali, linguaggio brillante (e spesso divertente) e sottili, avvincenti inquietudini. La sua è una prosa pulita, asciutta. Una scrittura lineare, efficace che non si perde in tanti giri di parole riuscendo a emozionare e a catturare per il suo stile così personale, intenso, avvincente.
Goodis, definito a più riprese il “poeta dei perdenti”, è particolarmente acuto e colpisce per il suo crudo realismo in quanto riporta i fatti senza dare nessuna morale e tiene in continua tensione il lettore in uno stato d’ansia e allarme permanenti.
Chi ha letto James Ellroy o Dennis Lehane e vorrà cimentarsi nella lettura di Goodis scoprirà atmosfere familiari e cupi territori dell’animo umano incontrando soprattutto uno scrittore come nessun altro.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: