La sindrome di Rasputin

Siamo in una Buenos Aires gotica e decadente (in un futuro non troppo lontano) che prepara il bicentenario della sua indipendenza, tra bombe di nazionalisti, fredde colonne di fumo e palazzi crollati. Nonostante siano passati due anni dagli attentati sembra che l’incendio covi ancora sotto le macerie, tra i muri sgretolati, neri di fuliggine. Il fuoco ha distrutto una ventina di isolati fino alla piazza della stazione, dove i pompieri hanno fermato l’avanzata delle fiamme. La piazza, rimasta così, mezza nera, mezza verde, è diventata una sorta di attrazione turistica.
Myshkin, Maglier e Abelev lavorano di notte e passano giorni interi chiusi in casa a vedersi film di ogni tipo, soprattutto vecchie pellicole di muto. Hanno avuto l’appartamento in cui abitano a un prezzo stracciato. E’ un appartamento composto di un ampio soggiorno e di due stanze che lasciano vuote. Abelev ha una passione grande per l’espressionismo tedesco, Maglier ama alla follia Buster Keaton e Myshkin è un patito di Lon Chaney.
Hanno tutti e tre una curiosa malattia, la sindrome di Tourette, che provoca comportamenti compulsivi, tic improvvisi, deficit di attenzione, parole o movimenti senza uno scopo.
Myshkin ha ventiquattro anni e forse ha subito un po’ troppe ferite d’amore. Si innamora spesso e il più delle volte gli va male. Maglier ha trent’anni più di Myshkin ed è un po’ sospettoso e riservato  come Abelev.
Ora per i tre amici ora è successo qualcosa di importante e di brutto. Abelev è in una camera d’ospedale, ma non si ricorda niente. E’ lì immobilizzato dalle bende e dal gesso, con sonde e flebo dappertutto ed è sospettato di un crimine mai commesso e per Myshkin e Maglier è impossibile far finta di niente. E’ il momento di unire le forze…

E’ un libro speciale La sindrome di Rasputin di Ricardo Romero. Pieno di riferimenti letterari, musicali e cinematografici (Antonioni, Sokurov, Buñuel, ma non solo loro), piacevole da leggere e molto ben costruito nei dialoghi.
Romero si dimostra particolarmente ferrato nella sua scrittura e riesce a farci guardare in modo intelligente, saggio e sensibile attraverso gli occhi dei suoi personaggi coinvolgendoci emotivamente.
A volte si ha però l’impressione che probabilmente con una trama più complessa si sarebbero potute esplorare e approfondire di più certe intriganti tematiche lasciate sfumare un po’ più del dovuto. Forse certe cose accadono e si risolvono con troppa facilità e questo fa pensare a una struttura del romanzo costruita in un modo un po’ troppo affrettato.
Romanzo, comunque, di valore. Con diverse “scene” di alto livello.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: