Dove finiscono le mappe

La storia delle esplorazioni e dei viaggi per terra e per mare è anche la storia dell’animo irrequieto dell’uomo, delle sue proiezioni immaginarie, delle sue prevaricazioni, delle sue conquiste materiali, dei suoi desideri, dei suoi istinti, compresi quelli più disumani e spregevoli.
Con l’impresa di Ferdinando Magellano, protrattasi dal 1519 al 1522 e narrata dal vicentino Antonio Pigafetta nel Viaggio fatto da gli Spagnuoli atorno a ‘l mondo, la parola navigazione acquista un nuovo e più preciso significato. E’ la circumnavigazione del globo, il viaggio per mare senza soluzione di continuità che, facendo combinare il punto di partenza con quello d’arrivo, traduce nella concreta e pratica sfera l’immagine della terra teorizzata dagli astronomi e disegnata dai cosmografi.
Nel 1550 il veneziano Giovan Battista Ramusio scriverà che «Il viaggio fatto per gli Spagnuoli intorno al Mondo è una delle più grandi e meravigliose cose che si siano intese a’ tempi nostri: e ancor che in molte cose noi superiamo gli antichi, pur questo passa di gran lunga tutte l’altre insino a questo tempo ritrovate…»
Attilio Brilli, sempre per le edizioni Il Mulino, ha scritto di viaggi di istruzione e di diletto. Ora con Dove finiscono le mappe scrive (col suo consueto tocco sottile e raffinato) dei viaggi di esplorazione e di conquista intrapresi in età moderna dagli europei oltre i confini delle mappe del mondo conosciuto alla scoperta di nuove terre. All’origine dei grandi viaggi d’esplorazione c’erano molteplici fattori: progressi   tecnologici (nell’arte della navigazione, nella costruzione di navi, nelle armi da fuoco…), motivazioni ideali (il desiderio di avventura e di arricchirsi, la volontà di diffondere il messaggio cristiano presso gli altri popoli…), fattori economici e demografici (trovare  grandi quantità d’oro e d’argento, aggirare l’intermediazione dei veneziani e dei turchi nel commercio delle spezie, bisogno di nuove terre da coltivare…). Ma la spinta  decisiva venne dalle monarchie nazionali (per prime quella portoghese e spagnola) che erano alla ricerca di nuove risorse per rafforzare il loro potere e speravano di ricavare grandi ricchezze dai viaggi di esplorazione.

Twitter:@marcoliber


Attilio Brilli

Dove finiscono le mappe
Il Mulino
2012

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: