Ricordo di Jane Austen

A settant’anni, più di mezzo secolo dopo aver assistito al funerale di Jane Austen, il nipote, J.E. Austen Leigh, timido ecclesiastico di provincia, decide di raccontare la vita della scrittrice. Con la meticolosità e l’ingenuità di chi non è letterato di professione, intercalando i suoi con ricordi dei parenti e autografi della “cara zia Jane”, ricostruisce il lessico familiare del clan, e disegna della Austen un ritratto insieme “domestico” e addomesticato (le curiose censure delle lettere, denunciate dalla curatrice del volumetto, Bruna Cordati). Sorprende apprendere che l’autrice di Orgoglio e pregiudizio “non aveva neanche uno studio, e gran parte del lavoro lo faceva nel soggiorno comune, soggetta a ogni genere di interruzioni. Stava molto attenta che non trapelasse ciò che faceva né alle persone di servizio né ai visitatori, né a nessun altro all’infuori della propria famiglia”. E fu sempre così. “Nessuno degli autori a lei contemporanei la conobbe, né personalmente né per corrispondenza”.
Un genio anche di discrezione.


J.E. Austen Leigh

Ricordo di Jane Austen
Sellerio
1992

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: