Il gatto di Montaigne

Mentre il Cinquecento sta per finire, Michel Eyquem, signore di Montaigne, si inerpica fino al soffitto della sua enorme biblioteca per raspare un’iscrizione che lui stesso aveva fatto segnare qualche anno prima.
La biblioteca si trova al terzo piano di una torre circolare che si eleva su un angolo della nobile casa dei Montaigne, nel Périgord. Da queste finestre vede il giardino, la corte, le vigne e quasi tutti gli altri luoghi chiave di questa bellissima dimora, che si trova sopra una collina poco a nord della Borgogna, a una cinquantina di chilometri da Bordeaux.
L’iscrizione che Montaigne cancella è un verso di Lucrezio, poeta latino della ragione, che recita: Nec nova vivendo procuditur ulla voluptas (Né col continuare a vivere si produce alcun nuovo piacere). E’ un’opinione che qualche anno prima Montaigne, dopo essersi dimesso dalla carica di magistrato ed essersi ritirato nella dimora di famiglia, aveva seguito, accettato, sostenuto. Montaigne voleva starsene ben nascosto e avviarsi alla morte libero da pesi, doveri, oneri, incombenze.
Al momento del ritiro dalla vita pubblica la morte era al primo posto fra i suoi pensieri, tanto era influenzato da gravi lutti e soprattutto dalla scomparsa del padre. Filosofare è imparare a morire, scrive nel titolo di uno dei suoi primi saggi.
Tuttavia, man mano che scrive, Montaigne volta le spalle al pessimismo e abbraccia una nuova filosofia, in base a cui è «il vivere felicemente, non il morire felicemente, che fa la felicità umana».
Comincia allora a sottrarsi alla disperazione e a toccare con mano la semplicità dell’esistenza. I suoi saggi allora diventano, da semplici svaghi, un modo per rivedere, riavvolgere e rivivere la vita mentre ancora la sta vivendo…
Per questo gli scritti di Montaigne pullulano di vita, di energia, di intensità, di efficacia…

La figura di Michel de Montaigne non ha mai smesso di affascinare generazioni di lettori e diviene oggi più attuale e modernA (e accessibile) che in ogni altro tempo. Lo si può scoprire leggendo questo libro scritto da Saul Frampton edito da Guanda. Un libro scritto in modo appassionato, divertente e profondo.
Il gatto di Montaigne è una suggestiva e convincente esplorazione creativa su uno dei pensatori più innovativi e attuali del Rinascimento.
Dotta, ma non pedante, è un’opera da assaporare nel tempo.
Saul Frampton, che è stato ricercatore a Cambridge, sottolinea l’umanità di Montaigne, i suoi aspetti quotidiani, apparentemente banali, che col passare del tempo aiutano a capire che quelle banalità costituiscono quello che di più bello esiste.

Twitter:@marcoliber


Saul Frampton

Il gatto di Montaigne
(traduzione di Elisa Banfi)
Guanda
2012

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: