Il bambino filosofo

bimbiI bambini e gli adulti sono creature profondamente diverse con menti, cervelli ed esperienze diverse. Si può dire che noi adulti altro non siamo che il prodotto finale dell’infanzia.
Il cervello dei bambini è plastico e flessibile e di fatto è più altamente connesso di quello degli adulti perché i percorsi neurali disponibili sono più numerosi.
I bambini non conoscono l’odio e il rancore e sono fonte inasauribile di significato. Vivono le emozioni in un modo più difficile da controllare e ci mettono in contatto con la verità, la bellezza e la significatività dell’esistenza. Sono profondi e sconcertanti al tempo stesso (e forse per questo ultimamente attirano l’attenzione dei filosofi…), ma fruiscono il mondo in maniera molto diversa da noi, mostrando un tipo di attenzione che si correla alle loro straordinarie abilità di apprendimento.
“Vivi con i bambini ed imparerai ad amare. Così diventerai tu un bambino e più ancora: un essere umano”, scrisse un giorno Georg Walter Groddeck.

Alison Gopnik, Il bambino filosofo, traduzione di Francesco Gerla, Bollati Boringhieri 2014.

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: