Posts Tagged ‘letteratura’

Il problema non è sapere molte cose

10 marzo 2017

Hugo Von Hoffmannsthal, scrittore, drammaturgo e librettista austriaco vissuto tra Ottocento e Novecento, ci spiega a più riprese che in fatto di letteratura il problema non è sapere molte cose, è metterle a contatto tra loro creando, con immaginazione e spirito critico, sistemi di relazione, per stabilire rapporti nuovi.
La letteratura è punto di orientamento, costruzione dell’immaginario, dibattito di idee. Vuole anche essere un luogo in cui ci si educa al senso vivido degli individui, alla capacità di accogliere nel proprio mondo chi ancora non ne fa parte.
Perché chi ha esperienza di letterature vive indirettamente molte vite diverse, si nutre di compassione e di desiderio di giustizia e il suo giudizio di spettatore coinvolto è sensibile più di ogni altro alla complessità e all’imponderabile.

Annunci

L’uomo, i libri e altri animali

6 marzo 2013

Remo Ceserani-Danilo Mainardi, L'uomo, i libri e altri animaliRemo Ceserani e Danilo Mainardi si sono ritrovati dopo molti anni. Erano stati compagni di scuola, ma poi ognuno ha preso la propria strada. Mainardi è andato all’università a Parma, dove ha trovato maestri di grande fama nel suo campo. Remo Ceserani si è invece laureato a Milano ed è andato a perfezionarsi in letterature comparate negli Stati Uniti (per poi tornare in Italia).
In questo splendido libro, Ceserani e Mainardi conversano sul tema delle analogie e delle differenze (soprattutto delle possibili convergenze) tra i loro campi di ricerca (la biologia, l’etologia e la letteratura) e le loro differenti esperienze. Dialogano attorno ad alcune parole-tema e lo fanno con cognizione di causa e grande esperienza. Offrono di continuo spunti e aiutano a conoscere argomenti anche difficili in modo chiaro e comprensibile, toccando temi spesso agli antipodi fra loro.

Caro Danilo, torno a parlarti di un testo di Italo Calvino, tratto dalle Cosmicomiche (1968), un libro che sembra dar forma a un’idea di cui tu mi hai parlato in precedenza: quella della lunghissima storia dell’evoluzione e dell’inutile diatriba fra saltazionisti e gradualisti. Calvino, lavorando d’immaginazione e cercando di penetrare nei segreti della memoria del mondo, probabilmente darebbe ragione a entrambi. I personaggi delle sue cosmicomiche viaggiano su tempi lunghissimi ma possono anche concentrare lunghi tratti di tempo (e di spazio) nelle misure di una battuta o di una striscia dei comics o di un episodio del cinema hollywoodiano, quello che mette in scena sentimenti elementari, miti collettivi di grande pregnanza e semplicità.

Caro Remo, nella vita accademica m’è capitato, in differenti periodi e per studenti di diverse facoltà (scienze, medicina, perfino farmacia), di tenere il corso di biologia generale. Per quasi tutti si trattava di un corso del primo anno. Dovevo dunque cercare di dare loro, certo interessati ma ancora piuttosto ingenui, un’idea generale di cosa fosse la biologia e soprattutto di come la si dovesse affrontare. Parallelamente al mio corso, gli stessi miei studenti ne seguivano infatti altri di «base», come chimica, fisica, matematica, e in particolar modo mi piaceva far loro capire quella che chiamavo la «diversità» della biologia. Spiegavo che la vita era apparsa sul nostro pianeta poco meno di quattro miliardi di anni fa, in principio con forme semplicissime poi evolvendosi, differenziandosi e complicandosi sempre più, ma che comunque tutti i viventi erano tra loro parenti, come attesta la presenza in tutti dello stesso codice genetico, e che la vita – se tutto va bene – avrà termine tra circa cinque miliardi di anni, quando il Sole si spegnerà. La vita dunque altro non è che un unico, seppure lungo, episodio. Gli studiosi della biologia non possono perciò che essere innanzitutto degli storici: studiosi di una storia naturale che, comunque, non potrebbe mai ripetersi uguale a come è stata, con le stesse specie, i suoi rigogli, le sue crisi, i suoi equilibri e squilibri, estinzioni e nuove comparse, mescolamenti. Parlare di un episodio significa infatti sottolinearne il carattere irripetibile. Proprio in ciò sta la diversità dello studio della biologia rispetto a quello delle altre discipline. La stessa constatazione non la si può certo fare per la matematica, per la fisica. Quasi certamente nemmeno per la chimica. Perché questi scienziati vanno alla caccia di regole ben più generali, prescindibili, credo, dal fatto che il loro oggetto di studio si trovi su questo o su altri pianeti.

Remo Ceserani-Danilo Mainardi, L’uomo, i libri e altri animali, Il Mulino, 2013.