Memorie all’isola dei Morti

mdb001

Lasciatemi indugiare qui per un po’, prima che ricompaia nuovamente il mondo con le sue pazzie.
Qui, oltre la luce del sole, c’è la placida oscurità di un pomeriggio estivo e una memoria che cerca a tentoni dettagli, oggetti solidi, componenti del passato. Qui la vita e la morte si confondono in costellazioni effimere, al fluttuare di un ritmo cullante. Qui, in questo strampalato ordine, ciò che è stato storia ricade finalmente sotto l’egemonia della natura e ciò che è stato naturale, ricade nel dominio della storia.
Dalla sua vecchia bici color senape, Abbas ora mi sorride con quel suo modo vacuo di guardare ogni cosa, quasi non fosse proprio convinto della solidità del mondo e si aspettasse di vedere tutto quanto trasformarsi, per un bizzarro e divertente capriccio, in qualcosa di completamente diverso.

Isola dei Morti, lungo il fiume Piave a Moriago della Battaglia il pomeriggio di una domenica di luglio.

mdb002

Annunci